Per vedere, di nascosto, l’effetto che fa…

E se fosse tutta una sceneggiata? Berlusconi sfiducia il governo, Napolitano se la fa sotto, d’accordo, ma i mercati? Se poi succede il caos? E, soprattutto, se Letta trova i voti? Allora facciamo così: si sfiducia il governo, ma i ministri fanno le colombe (o i “diversamente berlusconiani”) e si vede, di nascosto, l’effetto che fa. Se il rischio che … Continua a leggere

Elezioni anticipate

Non sono affatto convinto che sarà questo l’epilogo, ma se dovesse essere bisogna rimarcare alcune cose: Berlusconi, come sempre, avrà il vento in poppa; i sondaggi già lo danno vincente e l’aver fatto cadere Letta gli riporterà vicino la Lega; Al contrario, il Pd farà molta fatica a recuperare l’alleanza con SEL, dopo la rottura data dal governo Letta. Di … Continua a leggere

La situazione si complica

I capricci di Berlusconi, legati alla sua paura di finire in galera, come pure sarebbe giusto, costerà parecchio a tutti noi e già questo è grave. Ma il peggio forse deve ancora venire: Berlusconi vuole le elezioni e Grillo non ha alcuna intenzione di svincolare un numero X di senatori perché contribuiscano a fare due o tre cose fondamentali: lui … Continua a leggere

Sciò!

Levatevi dalle scatole! E subito! Bisognerebbe esultare per le dimissioni dei ministri PdL dal governo. Certo, non sarà facile rimettere in piedi un governo, ma alla fine ce la si farà. E sarà un governo (si spera) senza il PdL, che deve essere abbandonato al suo destino, ossia al destino del pregiudicato che lo guida. Mi auguro che da Grillo … Continua a leggere

Si può dargli torto?

Secondo Letta la vicenda, pagliaccesca, delle dimissioni (più finte di un lifting) di massa dei membri del PdL ha “umiliato” l’Italia. Come dargli torto? Se c’è qualcosa di cui vergognarsi davvero è proprio questo chiasso, queste urla, che attirano l’attenzione sulle nostre miserie, su un condannato per FRODE FISCALE e sui suoi amichetti che parlano di colpo di stato (uno … Continua a leggere

Un po’ di coraggio

Non c’è niente da fare: si continua a parlare solo ed esclusivamente di Lui, Berlusconi, e dei suoi guai. Adesso sono tutti pronti a gridare al colpo di stato, a dimettersi, a minacciare, come se non avessimo altri pensieri. Io mi domando per quale motivo non vi sia qualcuno, abbastanza autorevole nel mondo politico, con il coraggio di dire: andatevene, … Continua a leggere

Le grandi svolte

Il 3013 verrà ricordato per il nuovo Papa, autore di una svolta epocale, succeduto a due predecessori che a dispetto del successo mediatico avevano cacciato la Chiesa in un angolo rispetto all’evolversi del comune sentire. Questo Papa riesce a dialogare, laddove i predecessori emanavano “bolle” (in tutti i sensi). E verrà ricordato anche per la svolta in Iran, dove il … Continua a leggere

Ma magari!

I parlamentari PdL minacciano le dimissioni in blocco dal parlamento se si dovesse votare la decadenza di Berlusconi. MA MAGARI! Oltre che un gesto a noi graditissimo, sarebbe un gesto coerente: dopo averlo coperto e giustificato per anni, è giusto che se ne vadano con lui, togliendo lo sporco dalle nostre camere. Naturalmente non lo faranno mai, però è giusto … Continua a leggere

La svolta in Iran

C’è qualcosa che avviene nel mondo in questi giorni e su cui ci soffermiamo poco: la svolta dell’Iran. Oramai è un fatto conclamato che quel paese voglia rimettersi all’interno della comunità internazionale e il suo nuovo presidente, Rohani, ha fatto affermazioni importanti sul piano simbolico. Oggi ha affermato che l’olocausto c’è stato davvero (per noi non è una novità, ma … Continua a leggere

“Scandalo” Telecom

L’intero mondo politico si straccia le vesti: la Telecom è passata in mani spagnole! Nel paese delle libertà, dal Partito Democratico al PdL (“liberisti” della domenica) tutti a invocare un intervento del governo. Perfino Grillo, che non sa più per quale motivo urlare, si è messo a sproloquiare, chiedendo che il governo blocchi la vendita, non si capisce bene in … Continua a leggere