Le cose importanti

Berlusconi continua a sbraitare per i suoi guai. Intanto il paese è ancora impegnato a spazzolare via le sue cagate. Una delle più rimarchevoli è quella combinata su Alitalia: una campagna elettorale coronata da un clamoroso successo sulle spalle degli italiani. Ci è costata alcuni miliardi la sbruffonata sugli “imprenditori” italiani, sull’ “italianità” e su tutte quelle belle cose che … Continua a leggere

Ridicoli (2)

Tra le perle del capo dello stato c’è il discorso di ieri: “le banche aiutino la ripresa”, questo il senso di quanto ha detto. Ma non è forse ridicolo che il capo dello stato debba inginocchiarsi di fronte alle banche per implorarle di fare il loro lavoro? Non sarebbe stato meglio ricordare che la politica può e deve intervenire (anche … Continua a leggere

Ridicoli (1)

Il ministro Saccomanni deve pur fare la sua parte. Sul piano propagandistico, s’intende, perché per il resto ha poco da fare. Ma forse non se la sente di dire che vede la luce in fondo al tunnel: è un’affermazione che ha coperto di ridicolo Monti e ormai è diventata il segno della pochezza. Allora cosa fa? Ne inventa una davvero … Continua a leggere

Il ruolo di Grillo

Con le parole di oggi Matteo Renzi ha dimostrato per l’ennesima volta di essere un campione di propaganda, ma con poca sostanza. Ha chiesto infatti che il voto su Berlusconi fosse palese perché, a suo dire, non si fida del movimento di Grillo (di cui vorrebbe i voti) che, secondo lui mira alle elezioni e pur di raggiungere il risultato … Continua a leggere

La vergogna suprema

Nelle motivazioni del Tribunale di Milano relative alla condanna di Berlusconi si ha finalmente il coraggio di dire che ideare una frode fiscale costituisce un fatto gravissimo, ma ancora più grave se a farlo è un uomo politico. Sembra una banalità, ma in questo periodo di garantismo al contrario è da tanto che non si sente qualcuno affermare che l’uomo … Continua a leggere

Impeachment

Insiste Grillo nella richiesta di impeachment. E fa bene. Ormai il capo dello stato è fuori controllo: la vicenda del colloquio con la maggioranza circa la modifica della legge elettorale è come un faro che illumina il senso di una presidenza che è sempre stata sopra le righe ma nell’ultimo periodo ha assunto toni sguaiati e decisamente fuori dal perimetro … Continua a leggere

Re Giorgio (di Borbone)

E’ in perfetto stile borbonico il gesto del capo dello stato: prima si convoca la maggioranza (si capisce) per decidere il da farsi; poi l’opposizione, per offrire qualche cioccolatino e parlare del tempo che fa. Una totale mancanza di stile, oltre che di forme costituzionali. Nessun presidente prima di lui si sarebbe sognato di comportarsi come il capo di un … Continua a leggere

Intercettazioni

Prosegue lo scandalo delle intercettazioni americane. Adesso sappiamo che anche Angela Merkel è stata spiata, ma gli Usa non ammettono nessun errore. Penso sia una buona occasione per rintracciare un equilibrio in Europa che possa opporre, per la prima volta, un baluardo sufficiente alla barbarie di un paese arrogante che si considera diverso dagli altri e svincolato da qualsiasi dovere … Continua a leggere

Siamo sempre al palo

Il nostro paese continua a stare al palo, il governo è perennemente in bilico, Berlusconi tiene il suo piede sul collo di tutti quanti. Non dobbiamo pensare che per il fatto di non parlare egli sia meno pericoloso. Il suo partito ha fatto finta di dividersi per poter occupare il governo e nel contempo tenerlo sulla corda. Il tutto per … Continua a leggere