Vendette

E’ a freddo la risposta della Commissione UE alle spacconate di Renzi. “Hanno-capito-che-facciamo-sul-serio” disse il passero solitario l’indomani del compromesso sul deficit consentito all’Italia, che dallo, 0,5 passa allo 0,3. In realtà è la commissione che ha imposto la sua legge e Renzi dovrà  certamente affidarsi alle clausole di salvaguardia, ossia all’aumento dell’Iva, per mantenere in equilibrio il bilancio. Non solo, … Continua a leggere

Come Berlusconi

Renzi utilizza la propaganda come Berlusconi; Precarizza il lavoro, come Berlusconi; Addita perennemente un nemico, come Berlusconi; Tenta in tutti i modi di far spendere soldi agli italiani, come Berlusconi; Si circonda di persone ancora meno all’altezza di lui, come (toh!) Berlusconi… Alla fine, quale potrà mai essere il risultato di cotanta azione, se non i medesimi risultati ottenuti da … Continua a leggere

Presidente disoccupato

Ci sguazza Renzi fra gli industriali, specie se sprezzanti delle regole: ospite d’onore presso una fabbrica del nord Italia, dove ai sindacati viene impedito di tenere assemblee, si infervora e parla parole degne del suo illustre predecessore: “il-mio-cuore-è-con.voi” e altre amenità simili. “Qualcuno-vuole-dividere-i-lavoratori”, dice ancora, ma la verità è che in occasione della sua visita i dipendenti della fabbrica sono … Continua a leggere

E’ in difficoltà

E’ in difficoltà il passero solitario. Si rimangia quello che disse alla direzione Pd: nessuna modifica al job act. La ragione è facile intuirla: se la delega torna al senato, Bersani & C. non commetteranno per la seconda volta l’errore di votarla e al senato il passerotto non ha i voti. “Chi se ne vuole andare, faccia pure” dice, nella … Continua a leggere

Gentiloni

L’ha spuntata napolitano. Agli esteri va una persona di esperienza. Gentiloni è certamente una persona capace, meglio di un belfagor, meglio di un bimbominkia. Una brutta notizia per Renzi: è la prima bocciatura per facta del suo metodo: è un metodo che non produce risultati, anzi, produce danni al paese, per cui, stop alle nullità catapultate nei posti chiave, stop … Continua a leggere

Violante e la vergogna

Luciano Violante ha capito finalmente: il parlamento non lo vuole alla Consulta (e nemmeno il paese). Di conseguenza abbandona. Ma lo fa con rabbia, sostenendo che questa vicenda sia una vergogna, un colpo alle istituzioni e che la politica dovrebbe tornare autorevole…. Francamente non si capisce bene il senso di tutto ciò: in che senso è un colpo alle istituzioni? … Continua a leggere

A proposito di sfiga

Marchionne voleva rilanciare le macchinette della Fiat mettendole vicine alla Ferrari. L’intento era quello di far credere che si tratti di vetture di qualità. Ha perfino licenziato il responsabile USA della qualità per il fatto che le vetture FCA sono percepite come di basso livello. Ma poi… Meglio non rischiare. La Ferrari viene scorporata dal gruppo e sarà quotata autonomamente in … Continua a leggere

Kabbala

Tempo di numeri, di proiezioni, di trattative e previsioni. Tra queste ultime spiccano quelle del governo, che, sulla base di “previsioni” appunto, danno la trama della finanziaria. Peccato che tutte le previsioni governative fino a oggi si siano rivelate sbagliate, da quelle dello sfigatissimo Tremonti a quelle del “professore”. Renzi, in mezzo a questi giganti è come lo scolaretto sfaticato, … Continua a leggere

La ripresa che non c’è

Diciamocelo chiaro: qualcuno davvero credeva alle “previsioni” di Renzi-Padoan? Io penso proprio di no. Alla fine il paese è più popolato di “gufi” di quanto non si voglia ammettere. Le bugie governative sono talmente ridicole che si tratta solo di scoprire in che modo verranno smentite e da chi. Stavolta sono stati il FMI e S&P e immaginiamo che la … Continua a leggere

Ma porca puttana!

Sembrava fatta. Il piano strategico del governo, ossia aspettare, cazzeggiando, che arrivino i primi segnali di “ripresa” per poter dire è-merito-mio stava per funzionare quando… Non ci voleva. Non ci voleva proprio. Questo calo della produzione industriale, superiore alle attese, distrugge ogni residua speranza di riuscire finalmente a intestarsi qualche merito. Non solo, alimenta perfino dei sospetti, e in particolare … Continua a leggere