Ma guarda…

“…Si trovarono in questa opera di fronte a difficoltà ed ostacoli di ogni sorta, ai quali ho già parzialmente fatto cenno; e ad ottenere il pareggio, che era la meta dei loro sforzi, aggravarono le imposte sino al limite consentito dalle condizioni del paese, riscuotendole con energia, e nello stesso tempo si sforzavano di fare argine alle spese. Ebbero però … Continua a leggere

Ancora col lavoro…

Era abbastanza scontato che il governo si sarebbe mosso nella direzione di attaccare il lavoro. Solo che nel fare questo va esattamente nella direzione opposta al risanamento e anzi piomba il paese non soltanto in una recessione senza uguali nel mondo industrializzato, ma anche in un sistema sociale di tipo medievale, in cui pochi privilegiati hanno tutto, diritti inclusi, e … Continua a leggere

Squali

Ha fatto molto scalpore l’intervista (non si sa se vera peraltro) a un operatore di borsa che candidamente confessa di sperare in una nuova caduta dell’economia, dal momento che lui sulla depressione ci guadagna. Io penso che a parte la sorpresa di sapere che esistono esseri umani senza umanità (ma è poi una vera sorpresa?) ci sia poco da sorprendersi. … Continua a leggere

Destra e sinistra

Ho visto un dibattito moderato da Mentana (va molto di moda) che vedeva Casini, Vendola e Alemanno. Si discuteva di politica naturalmente ed è stato ribadito, come al solito, che le categorie di “destra”, “centro” e “sinistra” sono ormai superate. E’ vero, naturalmente. Lo dimostra proprio il fatto che vi sono meno differenze tra Vendole e Alemanno che tra ciascuno … Continua a leggere

Presto si scoprirà l’acqua calda

Non ho scritto nulla sul declassamento dell’Italia perché non penso si debba dare troppa importanza a valutazioni di terzi che spesso sono fuori luogo, altre volte sbagliate e nella maggior parte dei casi sono delle ovvietà. L’ultimo episodio appartiene alla terza categoria: le ovvietà. Che l’Italia sia inaffidabile, con un governo ridicolo e sostanzialmente allo sbando noi (e gli operatori … Continua a leggere

Licenziare

Si è riusciti ad approvare la norma sui licenziamenti. L’obiettivo finale di licio gelli è stato alla fine raggiunto grazie a un colpo di genio del ministro sacconi, che è quello stesso che ha dato gran prova di sé un paio di giorni fa. Naturalmente Bonanni e Angeletti tengono fede ai loro impegni e non parlano… Bene. Ma chi pagherà alla … Continua a leggere

Finalmente!

In un sottotitolo di Rainews, ieri si dava spiegazione del panico che ha colpito la borsa: “la ripresa è una chimera”, o qualcosa di simile. Ebbene, finalmente si è preso atto di qualcosa che in molti ripetono da tempo. Non mi riferisco certo ai blog dozzinali come questo qui, bensì a opinioni autorevoli come quella di Mario Draghi che da … Continua a leggere

Ferrovie immobili

Da grande frequentatore di stazioni ferroviarie sento spesso con preoccupazione di treni che vengono soppressi. Non casualmente, per ragioni contingenti, ma spesso, spessissimo, quasi ogni giorno. La ragione è facilmente intuibile: la nostre ferrovie non sono in grado di gestire una rete in modo da garantire ciò che dovrebbero garantire, ossia il servizio per tutti. Ma al di là di … Continua a leggere

Che succede a Fiat?

Nel giorno in cui Marchionne annuncia che anche Cassino subirà la sorte di Mirafiori e anzi, si dice che morirà il contratto nazionale per aprire la strada a una miriade di contratti aziendali che succede? Fiat perde il 5% (per non parlare di Exor…). Mah. Certo che è strano il mondo… Coma mai ci si libera delle azioni Fiat? Sarà … Continua a leggere

Arbitraggi…

E’ stata riapprovata la norma su cui il Presidente della Repubblica aveva mosso rilievi rinviandola in parlamento. Parlo della norma che obbliga il lavoratore all’arbitrato. Evidentemente è prioritario sottrarre alla giustizia vera il lavoratore per consegnarlo nelle mani di “arbitri”, che magari sono anche più bravi dei magistrati, ma che di sicuro non godono di garanzie costituzionali di indipendenza. Non … Continua a leggere