Sofferenze

“Egli soffriva, celava un profondo dolore, ed era affamato come un lupo per la solitudine. Questo individuo sofferente aveva tentato di cavarsela con l’orgoglio e con l’isolamento, senza resistervi; stava all’erta in cerca di persone, di uno sguardo di bontà e di un soffio di comprensione, ed era pronto a darsi via, in compenso. Così mi figuravo stessero le cose, … Continua a leggere

Asilo in Italia?

Oh quanti de’ nostri concittadini gemeranno pentiti, lontani dalle loro case! Perché , e che potremmo aspettarci noi se non indigenza e disprezzo; o al più, breve e sterile compassione, solo conforto che le nazioni incivilite offrono al profugo straniero? Ma dove cercherò asilo? In Italia?   U. Foscolo, Ultime lettere di Jacopo Ortis  

Donna Prassede

“Se donna Prassede fosse stata spinta a trattarla in quella maniera da qualche odio inveterato contro di lei, forse quelle lacrime l’avrebbero tocca, e fatta smettere; ma parlando a fin di bene, andava avanti, senza lasciarsi smovere:, come i gemiti, i gridi supplichevoli potranno ben tratenere arme di un nemico, ma non il ferro di un chirurgo.” A. Manzoni, I … Continua a leggere

Senza titolo

“I deputati si radunarono, o come qui si diceva spagnolescamente nel gergo segretariesco d’allora, si giuntarono; e dopo mille riverenze, complimenti, preamboli, sospiri, sospensioni proposizioni in aria, tergiversazioni, strascinati tutti verso una deliberazione da una necessità sentita da tutti, sapendo bene che giocavano una gran carta, ma convinti che nn c’era da far altro, conclusero di rincarare il pane.”   … Continua a leggere

Negazione della morte

“I radiosi destini non avevano avuto campo a manifestarsi, come di poi accadde, in tutto il loro splendore. La Margherita, di ninfa Egeria scaduta a Didone abbandonata, varava ancora il Novecento, el noeuf-cént, l’incùbo dei milanesi di allora. Vacava alle mostre, ai lanci, agli oli, agli acquerelli, agli schizzi, quanto può vacarci una gentile Margherita. Lui s’era provato in capo … Continua a leggere

La signora Liliana

“”La signora Liliana pur con qualche sospiro mal rattenuto (a giorni) sotto le trasvolanti nubi di tristezza, era, era una desiderabile donna: tutti ne coglievano l’immagine, per via. All’imbrunire, in quel primo abbandono della notte romana ch’è così gremito di sogni, rincasando,…ecco dai cantoni de’ palazzi e dai mariapiedi le fiorivano incontro omaggi, o singoli o collettivi, di sguardi: lampi … Continua a leggere

Gadda

“I radiosi destini non avevano avuto campo a manifestarsi, come di poi accadde, in tutto il loro splendore. La Margherita, di ninfa Egeria scaduta a Didone abbandonata, varava ancora il Novecento, el noeuf-cént, l’incùbo dei milanesi di allora. Vacava alle mostre, ai lanci, agli oli, agli acquerelli, agli schizzi, quanto può vacarci una gentile Margherita. Lui s’era provato in capo … Continua a leggere

La signora Liliana

  “”La  signora Liliana pur con qualche sospiro mal rattenuto (a giorni) sotto le trasvolanti nubi di tristezza, era, era una desiderabile donna: tutti ne coglievano l’immagine, per via. All’imbrunire, in quel primo abbandono  della notte romana ch’è così gremito di sogni, rincasando,…ecco dai cantoni de’ palazzi e dai mariapiedi le fiorivano incontro omaggi, o singoli o collettivi, di sguardi: … Continua a leggere

Lungimiranti

“nessun popolo ancora s’è mai ordinato secondo i principi della scienza e della ragione; non c’è mai stato un simile esempio , se non per un minuto, e per stoltezza. Il socialismo per la sua essenza doveva essere ateismo, poiché appunto ha proclamato, sin dalla prima riga, di essere una istituzione ateistica e d’avere l’intenzione d’ordinarsi secondo i principi della … Continua a leggere