Traviata

Qualche fischio alla Traviata della Scala ha segnato la prima di quest’anno. La regia, in particolare, sembra essere stata davvero l’obiettivo del malcontento dei “loggionisti”. Troppa modernità? Scelte audaci e non immediatamente comprensibili? Chissà. Io ho avuto come l’impressione che il ritratto dell’allegra combriccola degli amici di Violetta sia pericolosamente somigliante a certa borghesia milanese di ieri e di oggi, … Continua a leggere

Ghedinate

La “nuovissima” strategia berlusconiana è il solito déjà vu: sono in arrivo “nuove carte” dall’america che faranno riaprire il processo mediaset… Quante volte lo abbiamo sentito queste cazzate? Il primo ad annunciare carte sconvolgenti fu Bettino Craxi (dalla sua dorata trasferta). Qualche anno fa Panorama annunciò con la fanfara che presto sarebbero arrivate rivelazioni sui “burattinai” della D’Addario. In mezzo … Continua a leggere

La bella notizia

Ogni tanto ci sono anche quelle… In questi giorni possiamo ammirare la splendida impotenza della propaganda berlusconiana, impegnata giorno e notte a ripetere che se Letta cade sarà stato il Pd a farlo cadere, ma inutilmente: senza nemmeno impegnarsi più di tanto Epifani dice chiaramente che chi fa cadere Letta si assume la responsabilità di far cadere il paese, punto. … Continua a leggere

Arsenio

E’ il segno d’un’altra orbita: tu seguilo. Discendi all’orizzonte che sovrasta una tromba di piombo, alta sui gorghi, più d’essi vagabonda: salso nembo vorticante, soffiato dal ribelle elemento alle nubi; fa che il passo su la ghiaia ti scricchioli e t’inciampi il viluppo dell’alghe: quell’istante è forse, molto atteso, che ti scampi dal finire il tuo viaggio, anello d’una catena, … Continua a leggere

Cattelan

  Suscita polemica la comparsa, vent’anni dopo e dentro un’opera d’arte, di alcune targhe che vennero trafugate a Forlì. Io trovo che, a prescindere da tutto il resto di cui non mi importa nulla, sia una provocazione sublime, una prova di resistenza e uno sbattere in faccia al mondo la memoria in un modo cui nessuno aveva mai pensato prima. … Continua a leggere

Dieci giorni

  Tanto ci vuole per definire le sorti dell’Euro, secondo Rehn. Ma a cosa si riferisce? Si riferisce alle misure che stanno per essere varate in Italia? O al futuro comportamento dei mercati e dunque allo spread? E se si riferisse alla possibile strategia franco-tedesca di lasciare fuori l’Italia? Non sembri un’opzione peregrina. Il salvataggio dell’Euro comporta la garanzia tedesca … Continua a leggere

Varie

Il premier ci informa che lui non si occupa della legge elettorale (lo sapevamo già: non si occupa praticamente di nulla), ma solo della “crescita” (e speriamo che si riferisca soltanto ai capelli). I leghisti, dopo che per vent’anni hanno sparato cagate di tutte le misure, adesso sono colpiti dal contrappasso: non si capiscono neanche fra di loro e ogni … Continua a leggere

Gadda

“I radiosi destini non avevano avuto campo a manifestarsi, come di poi accadde, in tutto il loro splendore. La Margherita, di ninfa Egeria scaduta a Didone abbandonata, varava ancora il Novecento, el noeuf-cént, l’incùbo dei milanesi di allora. Vacava alle mostre, ai lanci, agli oli, agli acquerelli, agli schizzi, quanto può vacarci una gentile Margherita. Lui s’era provato in capo … Continua a leggere

Lei chi è?

Nominato il successore di masi alla Rai. All’unanimità. Non so per quale motivo la maggioranza abbia rinunciato a imporre una pivetti anche alla rai dopo masi. Può anche darsi che sia una buona notizia. Certamente non lo è per pionati, il quale probabilmente ci aveva fatto un pensierino, dall’alto della sua responsabilità…